Alessandra Galantino, in arte Alexandra, è una giovane cantante originaria di Desio. Inizia il suo percorso musicale già all’età di cinque anni quando si unisce al “Coro dei piccoli cantori di Milano” per poi proseguire con gli studi di canto fino ai sedici anni, quando un’insegnante arrivò a dirle che non sarebbe mai diventata una cantante. Dopo qualche anno di sconforto, Alessandra riprende in mano la sua passione candidandosi al Mas Music Arts & Show, per cui attualmente frequenta il percorso accademico musicale. Il nuovo brano di Alexandra si intitola “Fai parte di me” (Greylightrecords).

Questo brano è un’accurata autobiografia della cantante che narra alcuni episodi di bullismo da lei subiti durante l’infanzia e l’adolescenza: “Fai Parte di Me” parla di quel tempo, di quel dolore. Nel suo nuovo singolo, Alexandra ripercorre quel periodo di vita rivolgendosi direttamente al suo alter ego, a quella ragazzina impaurita dal mondo che si nascondeva dietro occhiali e maglioni troppo larghi, dimostrando a tutti che i momenti difficili della sua vita l’hanno trasformata in una donna consapevole di sé che, guardandosi allo specchio, riesce oggi a sorridere.

Questo singolo, dichiara la cantautrice, rappresenta a pieno la sua evoluzione come donna ed è un messaggio positivo per tutte quelle persone che si sentono inadeguate. La speranza di Alexandra è che questa sua canzone possa aiutarle a capire loro stesse e ad amarsi per come sono.

Il videoclip di “Che Peccato”

Il videoclip ufficiale del brano include un’unica sequenza di immagini che ritrae in primo piano Alexandra che, cantando di fronte alla videocamera, si “denuda” gradualmente: prima dei vestiti, poi del trucco. Questo video si fa metafora di un processo di liberazione personale dell’autrice dalle aspettative degli altri, dai filtri, dalle etichette imposte dalla società, al fine di mostrarsi per com’è davvero: autentica, fiera e libera.

***

SEGUI ALEXANDRA QUI: https://www.facebook.com/Alexandra-music-113457787058766

***

Articoli correlati:

Pubblicità